L'Antitrust ha aperto un'indagine su Amazon
in ,

Amazon: Antitrust apre indagine su uso scorretto di dati

Indagine dell’Antitrust sull’uso dei dati dei venditori indipendenti

Amazon: Antitrust apre un indagine su uso scorretto di dati derivanti dai venditori indipendenti che operano sulla piattaforma.

L’analisi dei dati è fondamentale per ottenere un vantaggio competitivo nei confronti degli altri competitors. L’utilizzo improprio dei dati tuttavia può portare ad una situazione di squilibrio sul mercato o anche a situazioni di monopolio. L’utilizzo improprio è sanzionabile e le sanzioni negli ultimi anni stanno diventando sempre più aspre.

Il mercato dei dati ha un valore di diversi miliardi di euro e i volumi sono destinati a crescere. Alcuni definiscono i dati come il nuovo petrolio. Attraverso una buona analisi di questi infatti sarà possibile capire quali sono i bisogni dei consumatori e come reagiscono alle proposte del mercato.

Amazon però è sotto un’indagine da parte dell’Antitrust che vuole accertarsi che non li stia utilizzando in modo improprio.

Amazon: Antitrust apre indagine su uso scorretto di dati

Margarethe Vestager, commissaria alla concorrenza ha dichiarato: “Dobbiamo assicurare che le piattaforme online non eliminino i benefici che il commercio elettronico offre ai consumatori attraverso comportamenti anti-competitivi”.

Sulla piattaforma Amazon i dettaglianti vendono i loro prodotti, i dati di questi dettaglianti però potrebbero essere riutilizzati illegittimamente da Amazon che vende prodotti sul suo sito, quindi falsando la concorrenza.

I dati che vengono analizzati da Amazon illegittimamente, riguardano le transazioni dei venditori al dettaglio, secondo l’accusa.

Se questo fosse accertato, questi sarebbero comportamenti non corretti da parte di Amazon.

Sotto indagine è anche la sezione del “Buy Box”, di cui i meccanismi sono ancora oscuri.

Cos’è il Buy Box?

Il Buy Box è il mezzo attraverso cui i clienti possono aggiungere i prodotti di un rivenditore al carrello.

Questa scelta che gli algoritmi di Amazon compiono potrebbe influenzare le scelte dei consumatori. Amazon potrebbe compiere dopo aver analizzato i dati azioni anticompetitive scorrette.

Questo meccanismo del Buy Box ha successo perchè Amazon ha instaurato dei rapporti fiduciari con i propri clienti e con i venditori che utilizzano la piattaforma, tuttavia, la commissione Europea vuole capire meglio come avviene questo meccanismo e se sia tutto in linea.

Cosa ha dichiarato Amazon

Questa volta a fare scalpore sono le indagini che stanno avvenendo sul colosso Americano. Non c’entrano nulla gli sconti e le condizioni dei lavoratori, temi sempre caldi quando si parla di questa azienda.

Jeff Bezos fondatore di Amazon si è dichiarato disponibile a collaborare per qualsiasi indagine, per chiarire qualsiasi dubbio della commissione Europea.

Ursula von der Leyen, nuovo presidente della commissione Europea, infatti vuole continuare la sua indagine iniziata nel 2018 a seguito di quanto comunicato dalla Vestager.


Tagcloud:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Operazione Alitalia: Atlantia quarto partner

Nuove crepe nel governo. Rischio spaccatura?